Legambiente Calabria

Pensare globalmente, agire localmente

News Volontariato

LIBERIAMO LO SCIARAPOTAMO!


Una passeggiata lungo gli argini della Fiumara utilizzando un’App per segnalare anonimamente le discariche abusive.

Domenica 28 Aprile si terrà una passeggiata naturalistica lungo la Fiumara Sciarapotamo per segnalare le discariche abusive presenti ed altri eventuali illeciti ambientali.

L’appuntamento è alle ore 09:00 in Piazza della Repubblica a Cinquefrondi (RC).

La segnalazione, rigorosamente anonima, sarà effettuata dai partecipanti mediante un’applicazione, “Gaia Observer”, che permette ad ognuno di impegnarsi a difendere la natura, segnalando con foto, testo e posizione eventuali discariche abusive, incendi, attività di bracconaggio e altro, agli Enti preposti alla difesa dell’ambiente.

L’evento, realizzato da Legambiente Calabria in collaborazione con il Circolo di Legambiente Cittanova, l’Amministrazione Comunale di Cinquefrondi, l’Associazione Arci Il Frantoio delle Idee e l’associazione LineaVerde, vuole denunciare con un Day-Bioblitz la situazione disastrosa in cui versa lo Sciarapotamo ormai da anni e che, nonostante le numerose segnalazioni e l’alto rischio idrogeologico della zona fluviale, non accenna a risolversi.

L’evento rientra nel progetto “Volontari per Natura” con cui Legambiente è impegnata, in tredici regioni italiane.

Il progetto si pone come obiettivo la diffusione delle Citizen Science, coinvolgendo cittadini nel monitoraggio ambientale e nella salvaguardia del territorio in cinque le aree di intervento:

·         Aria: analisi dirette sulla qualità dell’aria (outdoor e indoor), segnalazione di zone particolarmente trafficate, proposte relative a modifiche della mobilità;

·         Acqua: monitoraggio dei rifiuti abbandonati lungo i fiumi e sulle spiagge, analisi microbiologiche per il passaggio della Goletta Verde, segnalazioni su scarichi sospetti:

·         Biodiversità: aumentare la conoscenza di flora e fauna di pregio regionale ed individuazione delle specie aliene invasive;

·         Illeciti Ambientali: segnalazioni su smaltimento illecito di rifiuti e maltrattamento animale;

·         Beni Culturali: promozione dell’accessibilità, fruibilità e tutela del patrimonio culturale.

L’elemento di coinvolgimento prevalente, sarà lo svolgimento di attività pratiche volte all’ottenimento di informazioni utili ad affrontare i vari temi, fornendo compiti di coordinamento e raccolta dati/informazioni ai soggetti attivi che vorranno rendersi protagonisti delle varie attività.

L’approccio principe è appunto quello della “Citizen Science”, ovvero il coinvolgimento della cittadinanza nella raccolta ed elaborazione di dati utili per meglio comprendere lo stato della salute ambientale dei luoghi di maggiore frequentazione, quindi possibili soluzioni per migliorare la qualità della vita e degli ecosistemi.

Please follow and like us: